Come configurare Yoast Seo [Guida in italiano]

come configurare yoast seo

Yoast Seo è probabilmente uno dei plugin più famosi ed utilizzati, di sicuro il miglior plugin Seo per WordPress: questo importante strumento ti consente infatti di risparmiare parecchio tempo nel gestire diversi aspetti del tuo sito, e ti ricorda di ottimizzarne altri nel caso in cui te ne dimenticassi.

Prima di andare a vedere di capire in dettaglio quali siano i vantaggi dell’utilizzarlo, vediamo prima di installarlo e capire come configurare Yoast Seo. Seleziona Plugin > Aggiungi Nuovo dalla tua dashboard di WordPress e nel campo di ricerca scrivi “Yoast Seo“, lo riconoscerai facilmente dal tipico semaforino che lo contraddistingue. Clicca dunque su “Installa ora“, e subito dopo su “Attiva” dalla sezione “Plugin Installati”. Adesso Yoast è correttamente installato e pronto all’utilizzo, come puoi notare dalla nuova voce “Seo” che compare nel tuo pannello di controllo di WordPress.

A questo punto sei veramente pronto per comprendere fino in fondo come funziona Yoast Seo, e iniziare a sfruttare tutte le funzioni di questo importante strumento per migliorare la SEO del tuo sito. Andiamo adesso a vedere ogni funzionalità in dettaglio, punto dopo punto.

Come configurare Yoast Seo: guida in italiano

 

» BACHECA

Bacheca > Funzionalità

guida yoast seo

La scheda Funzionalità presenta molte delle possibilità che Yoast Seo mette a tua disposizione, e puoi decidere di abilitarle o disabilitarle in base alle tue necessità. Ti suggerisco di abilitare tutte le funzioni presenti al suo interno ad iniziare da “Pagine delle impostazioni avanzate“, altrimenti ti sarà impossibile sfruttare determinate funzioni di Yoast quale ad esempio la creazione di una sitemap o la gestione di titoli e descrizioni.

 

Bacheca > I tuoi dati

bacheca i tuoi dati

La scheda Nome sito web serve a Yoast per indicare a Google come mostrare il nome del tuo sito nei risultati di ricerca. Su Azienda o persona puoi invece decidere se comparire appunto in qualità di azienda o persona all’interno delle Knowledge Graph di Google.

 

Bacheca > Strumenti per Webmaster

yoast strumenti webmaster

La scheda Strumenti per Webmaster è quella che devi utilizzare quando desideri verificare il tuo sito sulla Search Console, dato che è sufficiente inserire all’interno dell’apposito campo il codice di verifica e salvare le modifiche, affinché la procedura di verifica possa andare a buon fine. Per approfondire e capire rapidamente come effettuare questa procedura, ti suggerisco di leggere la mia guida che ti spiega come verificare la proprietà di un sito su Google Search Console.

 

Bacheca > Sicurezza

Se hai assegnato il ruolo di autore o collaboratore ad altri utenti all’interno del tuo sito, abilitare la sezione “Parte avanzata del meta box Yoast SEO” significa concedere a tutti loro la possibilità di avere accesso alle configurazioni avanzate e modificarle. Se vuoi essere tu l’unico ad avere la possibilità di gestire tali aspetti, lascia pure su “Disabilitato” questa funzione. Proseguiamo la nostra configurazione guidata di Yoast Seo passando adesso ad esaminare la sezione “Titoli e metadati”.

 

» TITOLI E METADATI

Titoli e Metadati > Generale

titoli metadati generale

La scheda “Generale” serve semplicemente a stabilire quale simbolo utilizzare per separare il titolo dell’articolo o della pagina dal nome del sito. Nel mio caso ho scelto come predefinita la barra verticale “pipe”, ed il risultato è quello che devi di seguito:

dario bongiovanni serp google

 

Titoli e Metadati > Homepage

titoli metadati homepage

All’interno della scheda “Homepage” ti è possibile semplicemente decidere quali saranno il title e la description della tua homepage.

 

Titoli e Metadati > Tipi di Articolo

titoli metadati tipi di articolo

Questa sezione ti consente di definire quali debbano essere il title e la meta description predefiniti per i contenuti che andrai a pubblicare (tra questi pagine, articoli, media, elementi di portfolio…). All’interno del campo “Titolo del template” puoi inserire:

  • %%title%% se preferisci che venga inserito automaticamente il titolo dell’articolo o pagina
  • %%sitename%% per inserire il nome del sito.
  • %%sep%% che è la barra verticale detta “Pipe” vista in precedenza.

Ti suggerisco di utilizzare %%title%% %%sep%% %%sitename%% come titolo del template, così che il title sia del tipo “Titolo Articolo | Nomedelsito.it

Per quanto riguarda il campo “Template della Meta descrizione“, puoi inserire il comando %%excerpt%% per generare un estratto in automatico del contenuto della pagina, ma ti consiglio sempre di valorizzare a mano questo campo di volta in volta, direttamente nel box di Yoast presente in basso all’interno della pagina che stai per pubblicare.

A seguire trovi il campo “Metadati Robot“, che serve a decidere di mostrare i contenuti a Google (se impostato su Index) o di nasconderglieli (se impostato su Noindex). Ovviamente lascialo su impostato su Index.  “Data nell’anteprima dello snippet” ti consente di visualizzare nell’anteprima di Google la data in cui le singole pagine o articoli sono stati pubblicati, mentre “Yoast SEO Meta Box” serve a nascondere il box di Yoast Seo all’interno delle singole pagine o articoli che andrai a creare, impedendoti di gestirli individualmente. Ti consiglio di lasciarlo impostato su “Visualizza”.

 

Titoli e Metadati > Tassonomie

titoli metadati tassonomie

La scheda “Tassonomie” funziona alla stessa maniera di quella “Tipi di Articolo”, con la differenza che non serve a gestire titoli e descrizioni di articoli o pagine, bensì di quegli elementi che svolgono il ruolo di “contenitori di argomenti”, ovvero i tag e le categorie.

Titoli e Metadati > Archivi

La scheda “Archivi” serve a decidere quali debbano essere il title e la description per le pagine di ciascun autore del sito, nel caso di siti in cui collaborino più persone.

Come puoi vedere %%name%% rappresenta il nome dell’autore del contenuto in questione.

“Archivi per data” e “Pagine speciali” ti suggerisco di non toccarli, dato che non vengono mostrati sui risultati di ricerca.

 

Titoli e Metadati > Altro

titoli metadati altro

Ti suggerisco di impostare in noindex “Sottopagine degli Archivi” e disabilitare “Usare i tag meta keywords”. Il primo serve ad evitare di indicizzare url del tipo nomesito/page/2/ , mentre i tag meta keywords non si usano più da tempo.

 

» SOCIAL

Social > Account

In questa scheda puoi semplicemente inserire gli url dei tuoi account social, consentendo così ai motori di ricerca di sapere quali profili social sono associati a questo sito. Yoast ti consente di associare i seguenti social al tuo sito:

  • Facebook
  • Twitter (Nome utente, non url)
  • Instagram
  • Linkedin
  • Myspace
  • Pinterest
  • Youtube
  • Google+

 

Social > Facebook

yoast seo guida italiano

In “Impostazioni Facebook” puoi abilitare gli Open Graph, ovvero la possibilità di aggiungere dati strutturati alle pagine del tuo sito, così da poter gestire a pieno il modo in cui i tuoi contenuti appaiono quando gli utenti decidono di condividerli su Facebook.

“Impostazioni della pagina iniziale” invece, consente invece di impostare quali devono essere titoli, descrizioni e immagine da utilizzare nei meta tag Open Graph della homepage del tuo sito.

“Impostazioni standard” serve poi a stabilire una immagine generica da mostrare quando l’articolo o pagina che hai pubblicato non contenga alcuna immagine.

“Facebook Insights” e Amministratori” infine, consente di collegare Yoast Seo alla tua pagina Facebook.

 

Social > Twitter

come funziona yoast seo

Nella scheda “Twitter” puoi aggiungere invece i metadati della Twitter card, grazie alla quale avrai l’anteprima dei tuoi contenuti all’interno dei tuoi tweet. Puoi inoltre decidere se il sommario dovrà riportare immagini grandi o piccole assieme a titolo, descrizione e immagine correlata.

 

Social > Pinterest

configurazione guidata yoast seo

In questa sezione noterai un campo denominato “Conferma Pinterest”, all’interno del quale devi inserire il codice di verifica che puoi ottenere accedendo al tuo account Pinterest, per migliorare la condivisione dei tuoi contenuti su questo social.

 

Social > Google+

Semplicemente, qui puoi aggiungere la tua pagina Google+ per il business e collegarla alla tua pagina about di Google+

 

» SITEMAP XML

Sitemap > Generale

yoast seo creare sitemap

La Sitemap è un elemento fondamentale del tuo sito, dato che ha il compito di comunicare ai motori di ricerca la mappa dei contenuti presenti sul tuo sito, facilitando così la loro indicizzazione. Non è necessario creare una nuova sitemap ogni qualvolta si aggiungono nuove pagine, in quanto è Yoast SEO ad aggiornarla automaticamente. Per poter visualizzare la sitemap xml del tuo sito, non devi far altro che cliccare su “Sitemap XML”. Per Google in particolare, è molto importante sapere conoscere la tua sitemap, e puoi comodamente segnalargliela tramite la Search Console.

 

Sitemap > Utenti

“Impostazione sitemap utente” serve a creare un archivio degli url di ciascuno autore del tuo sito. Se sei l’unico autore, consiglio di lasciare su “Disabilitato” questa impostazione.

 

Sitemap > Tipi articolo

Nella scheda “Impostazioni sitemap per le tipologie di articoli”, hai la possibilità di decidere quali tipi di contenuti includere o escludere dalla sitemap del tuo sito.

 

Sitemap > Articoli esclusi

“Impostazioni esclusione articoli” ti consente di stabilire quali specifici contenuti andare ad escludere dalla sitemap. Tipiche pagine da escludere sono quelle duplicate, le thank you page o le pagine nascoste.

 

Sitemap > Tassonomie

yoast sitemap tassonomie

Nella scheda “Tassonomie” ti è possibile decidere quali sono le tassonomie che non vuoi inserire all’interno della tua Sitemap XML. Ti suggerisco di escludere i tag, che vanno a creare contenuti duplicati e che possono influire negativamente sul posizionamento del tuo sito.

 

» AVANZATE

Avanzate > Breadcrumbs

avanzate breadcrumbs

Su “Impostazioni briciole di pane (Breadcrumbs)” puoi decidere se implementare o meno questa funzione nel tuo sito. I breadcrumbs, sono semplicemente la struttura di navigazione della pagina che il visitatore sta attualmente navigando. Grazie ad essi, è possibile rendere più semplice la navigazione agli utenti, aiutandoli a comprendere meglio la struttura del sito.

 

Avanzate > Permalinks

avanzate permalinks

Ti suggerisco di lasciare tutte le impostazioni di questa scheda così come le vedi, eccezion fatta per “Rimuovi la base delle categorie” che ti consiglio di impostare su “Rimuovi”.

 

Avanzate > Rss

Questa sezione ti consente di aggiungere in maniera automatica dei contenuti al tuo Feed Rss.

 

» STRUMENTI

yoast strumenti

Editor di massa” serve a modificare i titoli e le descrizioni dei tuoi post molto rapidamente, senza doverli aprire uno per uno. Visualizzerai un un’unica schermata che ti mostrerà una panoramica dei post che hai pubblicato sino a questo momento ed un apposito campo che ti permette di modificarne il titolo e la descrizione.

“Importa ed esporta” serve invece ad importare o esportare le impostazioni di Yoast per assegnarle alla stessa maniera anche ad altri siti senza dover fare tutto il lavoro da capo.

“Modifica file” puoi invece andare a modificare i file Robots.txt e il file .htaccess senza dover accedere necessariamente via ftp.

 

» CONSOLE DI RICERCA

yoast seo console ricerca

Questa sezione serve per collegare la Search Console a Yoast, così da poterla utilizzare direttamente tramite WordPress.

Questa guida termina qui, spero possa esserti d’aiuto nel capire come configurare Yoast Seo correttamente. Se qualcosa non dovesse esserti chiaro, o volessi semplicemente lasciare la tua testimonianza, come al solito puoi lasciare un commento in basso e ti risponderò volentieri.

 

Da sempre appassionato di SEO e Web Marketing, con particolare riferimento al Web Marketing Turistico e alla SEO per Hotel, metto la mia esperienza al servizio di aziende, esercizi commerciali, strutture ricettive e blogger che desiderano acquisire maggiore visibilità sul web. Se hai dubbi o desideri un chiarimento, lascia pure un commento in basso 😉

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *